Assenzio e laudano

image

Molti hanno letto dei poeti maledetti e molti si chiedono quale fosse il segreto delle loro stesure, ai tempi feci numerose ricerche in merito, e alla fine trovai un mondo di psiconauti non irrilevante. La parola chiave era Assenzio e laudano

 Laudano

Il laudano è una preparazione farmaceutica a base di oppio, di cui sfrutta le proprietà analgesiche.
Si ottiene facendo macerare l’oppio in vino o in una soluzione alcolica per alcuni giorni in presenza di aromatizzanti, quali per esempio zafferano,cannella e chiodi di garofano, che permettono di oscurare il cattivo sapore dell’oppio.
La presenza di morfina rendeva efficace questa tintura come analgesico.
Nell’oppio vi sono però numerosi altri principi attivi oltre alla morfina.

Laudanum_poison_100ml_flasche

Il laudano accoppiato con l’assenzio permetteva di avere fasi allucinogene che inducevano il soggetto, dotato comunque di abilità letterarie ragguardevoli, di entrare in un mondo fatto di visioni e concetti astratti percepibili solo attraverso un “aiuto chimico

L’assenzio

fa parte dei miti che caratterizzarono la fine dell’Ottocento. L’assenzio è infatti passato alla storia come la bevanda alcolica degli artisti. Fu l’ispirazione del modo di vivere bohémienne ed era la bevanda preferita di pittori, poeti e scrittori da Shakespeare fino ad Hemingway, che dichiarò di amare l’assenzio per i suoi effetti di far cambiare le idee; senza dimenticare i maledetti come Verlaine e Rimbaud che dell’assenzio fecero la loro personale dannazione.
L’ora dell’assenzio andava allora dalle cinque alle sette del pomeriggio, l’heure verte la chiamavano, l’ora verde. L’assenzio accompagnava la vita dei bohèmiens. Per i giovani, la bevanda diventò il segno del loro romanticismo, il marchio, un po’ teatrale, della loro estraneità ai valori della borghesia.
L’assenzio non giova. Il poeta Musset, che ne abusa, dicono che sembri, a quarant’anni, già vecchio. Emile Zola lo considerava una vera piaga sociale un veleno che ha ucciso molti francesi. Il tema dell’assenzio diventa uno dei più ripetuti nella letteratura, nella satira, nella pittura.

assenzio-igp-poeti-maledetti

preparazione:

15gr oppio, 1gr cannella

zolletta di zucchero, 250 ml d’assenzio

buona bevuta, psiconauti!

 

 

Facebook Comments